Forum

Poesie Forum

    • Forum
    • Topic
    • Post
    • Ultimo articolo
    • L’abuso e i suoi protagonisti
      Cosa prova chi commette un abuso ai danni di qualcuno e cosa prova la vittima? Come si evolve nel tempo ciò che sentono i due protagonisti dell’evento? Cosa ne favorisce l’evoluzione?  
    • 0
    • 0
    • 4 anni, 8 mesi fa

      lolitakx69

    • Sui confini della libertà
      Vorrei porre a chi abbia il piacere di dire la propria una domanda che mi pesa molto e che negli ultimi giorni, a causa dell'ingorgo negli ospedali, mi punge ancora di più. Se alle persone viene lasciata la facoltà di non vaccinarsi e di esporsi ai rischi che ne discendono, perché, una volta contratto il virus, non viene loro lasciata anche la responsabilità di vivere le conseguenze della loro scelta? E' capitato più volte che persone in prima linea nelle manifestazioni No Vax, giunte in ospedale dopo essere state contagiate e in serio rischio di vita, abbiano rifiutato le cure e siano morte tenendo fede ai propri principi. Altri No Vax, constatato che le cose volgevano al peggio, hanno invece chiesto di essere curate. Ma se chi ha facoltà di promuovere e amministrare le norme ritiene e afferma che non vaccinarsi equivale a mettere a repentaglio la propria e altrui salute e, nei casi peggiori, la propria e altrui vita, perché un No Vax viene curato come se non avesse fatto nulla di male? Una risposta potrebbe essere: per la stessa ragione per cui un rapinatore ferito viene curato nonostante abbia ucciso un paio di persone in uno scontro a fuoco con la polizia. Capisco, ma in ospedale per il rapinatore a rischio di vita era stato trovato il posto libero. E se di posti, invece, ce ne fosse stato solo uno e ad aver bisogno di cure con la stessa urgenza fossero stati il rapinatore e una delle persone che il rapinatore aveva ferito nel conflitto a fuoco? Di solito, quando uno opera un tentato omicidio non succede che va davanti al giudice e, una volta dichiarato il proprio pentimento, se ne torna a casa. E se un altro va contro mano in autostrada, la conseguenza non sarà una piccola multa… e la ragione è il rischio o il danno effettivo per gli altri. Perché, invece, si può essere liberi di praticare il No Vax e poi tornare, come si fosse dei figliol prodighi ritrovati, a beneficiare del supporto della stessa medicina e delle stesse strutture che in precedenza ci avevano ripetutamente inviatato a vaccinarci? A me sembra che ci si debba assumere la responsabilità di deliberare che il comportamento No Vax è o non è un male per la collettività e comportarsi di conseguenza. Forse il mio è un pensiero appesantito dal fatto che qualcuno a me caro non trova posto in ospedale per un'operazione di cui avrebbe bisogno. Ringrazio, in ogni caso, chi vorrà contribuire alla dialettica.
    • 1
    • 1
    • 5 mesi, 1 settimana fa

      Juri Aparo