Franco Scoccimarro – Dipinti

Un saluto a tutti coloro che passeggeranno tra queste pagine, spero che il percorso sia piacevole.

Una delle ragioni per cui le immagini di alcune mie opere compaiono qui sta nel legame di amicizia che condivido con Juri Aparo fin da quando è arrivato a Milano un sacco di tempo fa. Fin da allora ognuno ha seguito il tragitto di vita dell’altro tra fatiche, delusioni, molto lavoro e a volte successi e gratificazioni, ciò che sta nelle vite di tutti.

Juri ha certamente dato un colpo d’ala alla sua vita quando ha fondato e aperto il gruppo della trasgressione allargando e condividendo, rendendo il contributo degli interessati vivo e operativo nel concreto, piazza di confronti e libere opinioni che è un importante punto di riferimento.

Da parte mia,  ho proseguito con fasi alterne la mia attività professionale nell’ambito della produzione industriale fino a qualche anno fa, ma in contemporanea da sempre, fin da bambino ho coltivato disegno e pittura spesso lavorando di notte tra giornate di lavoro, magari riuscendo a vedere i colori nella luce naturale solo la domenica.

L’arte è trasgressione rispetto a ciò che si dice, ciò che si pensa, ciò che si sente, si comunica e si immagina, al di là della comunicazione verbale.
L’arte non deve rispondere a nessuno schema convenzionale.
Penso che se ciò che vedete potete definirlo un oggetto d’arte, questo è un luogo idoneo ad ospitarlo.
Ovviamente sono graditi interventi e commenti.

    1. Tangenze.
    2. Finestre. Meglio aperte rischiando un raffreddore che tenerle chiuse.
    3. Anima. Mosaico sensazionale
    4. Ritmi. Simmetrie noiose
    5. Frammenti.
    6. Mente. Tempo, lesioni, rammendi, realtà sartoriale
    7. Paesaggio carnale. Ultime clamorose osservazioni del telescopio di Hubble: Prima del big bang, il big body.
    8. Codice atlantico.
    9. Burattini danzanti.  Burattini, burattinai, scelte, libertà.
    10. Coriandoli. Sincromia
    11. Ciro.
    12. Residui. Il flusso procede in un percorso a volte placido e uniforme altre accidentato e violento. Ogni tanto in un’ansa o intorno a un ostacolo si raccolgono ricordi idee immagini forme.
    13. Appuntamenti.
    14. Schegge. Spazio mentale
    15. N° 35 e N° 41. Il più antico sistema antigravitazionale.

La presentazione di Davide Lajolo

La Galleria dell’autore –  Tutte le gallerie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *