Grazie alla Croce Rossa Italiana

Tre mesi fa il Rotary Club Milano Duomo mi ha invitato a scrivere una relazione sull’andamento del corso per “Operatore sociale generico” tenuto dalla Croce Rossa Italiana a beneficio di una ventina di volontari della Croce Rossa e di 8 detenuti, tutti selezionati (per scelta ragionata e strettamente connessa a come l’iniziativa è nata e si è sviluppata) fra i componenti del Gruppo della Trasgressione.

Avevo trovato l’invito, rivolto tanto a me quanto alla presidenza della Croce Rossa, del tutto naturale, visto che il Rotary Club Milano-Duomo e il Gruppo della Trasgressione erano stati gli ideatori dell’iniziativa e visto che il Rotary Club Milano-Duomo aveva versato alla Croce Rossa e all’associazione Trasgressione.net un contributo economico per le spese.

A seguito di un paio di riunioni nella sede milanese di Via Tucci della Croce Rossa fra il dott. Luigi Maraghini e la dott.ssa Raffaella Menini (presidente e vicepresidente della Croce Rossa Italiana), la dott.ssa Paola Granelli e la dott.ssa Antonietta Ferrigno (responsabili dell’iniziativa per il Rotary Club Milano Duomo) e il sottoscritto (coordinatore del Gruppo della Trasgressione), era stato infatti deciso che il corso, aperto in passato solo a volontari della Croce Rossa, quest’anno avrebbe accolto fra i suoi allievi alcuni detenuti del Gruppo della Trasgressione che negli anni precedenti avevano già ottenuto l’attestato relativo al corso di “Primo soccorso”, tenuto dal dott. Vittorio Fioravanti (a sua volta socio del Rotary, nonché volontario della Croce Rossa Italiana).

Conclusa la mia relazione sul corso, mi sono stupito quando, leggendo quella della Croce Rossa, non ho trovato alcun riferimento al Gruppo della Trasgressione né a come si era giunti al corso di quest’anno. Francamente dispiaciuto per l’omissione, mi sono chiesto a cosa potesse essere dovuta. Più in generale, mi sono chiesto come sia possibile che il mondo, a conti fatti, sia sempre più evoluto, nonostante si possa constatare ovunque una certa “disattenzione” nei confronti di chi contribuisce alla sua evoluzione.

L’omissione, a maggior ragione se vista dalla parte di chi ha avuto l’idea e si è speso, in esplicito accordo con gli altri partner, per accudirla nei suoi primi due anni di vita, lascia la bocca amara! Interrogarsi con i detenuti del Gruppo della Trasgressione sul valore della gratitudine per favorire l’emancipazione del condannato e assistere alle omissioni dei vertici che vigilano sul benessere dei liberi cittadini causa un certo turbamento.

Ma è così! A conti fatti, sembra che le idee di valore, una volta partite, acquistino una vita quasi autonoma. L’iniziativa che ha portato alla collaborazione fra il PRAP e la Croce Rossa è evidentemente buona, visto che da qui in avanti essa si rinnoverà a prescindere da chi l’ha concepita: i ponti ben progettati permettono agli uomini di incontrarsi e migliorare la realtà al di là di chi li ha progettati. In fondo, non è successo nulla di diverso da quello che accade di norma: gli uomini muoiono, ma le loro invenzioni, se sono valide, si servono dell’energia di altri uomini per proseguire la loro strada e migliorarsi.

Il concetto va perfettamente d’accordo con quel che Darwin insegna a proposito della evoluzione della specie e, simpaticamente, concorda con la constatazione che un bambino di pochi mesi ha il potere di motivare gli adulti che incontra ad accudirlo a prescindere da chi lo ha messo al mondo.

Se da un lato rimane l’amarezza del mancato riconoscimento, dall’altro sono grato a chi mi ha dato modo di seminare qualcosa che è anche mio e che, grazie alle istituzioni che sopravvivono agli uomini, andrà oltre il mio nome e quello del Gruppo della Trasgressione.

 


 

La mia relazione per il Rotary sul corso per “Operatore sociale generico”

Sul Corso della Croce Rossa

Milano, 8 giugno 2017

Al “Corso per operatore sociale generico” si giunge in base all’intesa formalizzata nel 2015 fra la Croce Rossa Italiana, il Rotary club Milano Duomo, il PRAP “Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria” e il “Gruppo della Trasgressione”. Nel 2015 e 2016 circa 36 componenti del “Gruppo Trsg” avevano frequentato il corso di primo soccorso e ottenuto il relativo attestato; in entrambe le occasioni tutte le lezioni si erano svolte in presenza degli agenti della scorta di polizia penitenziaria e, anche per questo, il corso era stato destinato solo ai componenti del gruppo (studenti universitari e detenuti delle carceri di Opera e di Bollate).

Considerati gli ottimi risultati delle due occasioni precedenti, si è deciso questa volta di aprire il “corso per operatore sociale generico”, destinato tradizionalmente a volontari della Croce Rossa, anche ad alcuni dei detenuti provenienti dalle esperienze di cui sopra. Tutte le lezioni si sono svolte in un’aula dove non si distingueva fra comuni volontari e detenuti e, cosa non trascurabile, anche i risultati dell’esame finale non hanno evidenziato differenze di rilievo fra gli uni e gli altri. Fra tutti gli allievi è cresciuta infatti una eccellente sintonia e sembra che la presenza dei detenuti abbia contribuito a dare vivacità al corso e utili stimoli agli altri studenti.

Degli otto detenuti che avevano iniziato il corso ne sono arrivati in fondo sei, gli stessi che nei mesi successivi hanno anche partecipato all’attività di tirocinio con eccellenti risultati, pur se le necessarie procedure istituzionali hanno richiesto tempi per cui tre dei tirocinanti non hanno ancora completato tutte le ore previste.

Gli obiettivi del corso sono stati ampiamente raggiunti! Fra questi, il principale era accostare l’immagine della Croce Rossa Italiana a quello dell’istituzione penitenzia per rendere più facile per i detenuti del corso (e, in prospettiva, per i detenuti in genere) rinnovare la propria immagine dell’autorità, cioè passare dall’immagine di un’autorità che proibisce e punisce a quella di un’autorità che insegna; passare gradualmente dall’immagine di autorità che marca confini e distanze a quella che accorre dove c’è bisogno. Ovviamente si tratta di un percorso lungo decenni ma è significativo che proprio dai detenuti che hanno frequentato il corso siano state formulate sintesi come “Le sirene di Ulisse per perdersi, quelle della Croce Rossa per ritrovarsi”.

In conseguenza dell’ora tarda in cui di solito veniva concluso il giro di servizio effettuato insieme da detenuti e comuni volontari della Croce Rossa, mi sono trovato più volte, oltre la mezzanotte, ad accompagnare i detenuti in carcere, a raccogliere le impressioni a caldo sulle esperienze della sera e a sentirmi dire frasi come ”In una giungla di incertezze chiamata civiltà, la Croce Rossa Italiana è un bene che si nutre di umiltà, un bene prezioso per la collettività”.

Tutte le riunioni di programmazione si sono svolte nella sede di via Tucci in presenza della vicepresidente della C. R. I., della dott.ssa Paola Granelli, della dott.ssa Antonietta Ferrigno e del sottoscritto.

Associazione Trasgressione.net
Angelo Aparo

Un pensiero riguardo “Grazie alla Croce Rossa Italiana”

  1. Io, uomo che ho vissuto per più di 40 anni nell’illegalità. Detenuto, invisibile e antisociale, in un altro momento della mia vita, avrei preso questa delusione per alimentare il mio rancore, la mia rabbia verso tutto e tutti. Oggi mi sento un UOMO che sta cercando con enorme fatica e con innumerevoli difficoltà di essere visibile e sociale, con l’aspirazione di diventare insieme a mio figlio Michael cittadino del mondo, e soprattutto componente del gruppo della trasgressione. Non posso esimermi dal denunciare pubblicamente la mia amarezza. Sono un troglodita che prova sentimenti e che sta cercando di rivoluzionare la propria esistenza evolvendosi. Grazie Croce Rossa. Antonio Tango

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *