Immagina la cosa giusta

“Tra bufalo e locomotiva,
la differenza salta agli occhi.
La locomotiva ha la strada segnata,
il bufalo può scartare di lato e cadere”

Nel 1876 il pittore austriaco Hans Canon, rompendo la tradizione figurativa tramandatasi nei secoli, decise di dipingere i Putti non più assorti nel più alto dei cieli ma con i piedi ben saldi sulla terra, e per di più al lavoro per costruire una ferrovia.

La profonda allegoria del progresso dell’uomo suggerita dalla visione di questo quadro, durante le vacanze pasquali a Vienna, mi ha letteralmente affascinato….. richiamando prepotentemente alla mia coscienza il senso di alcune cose che in questi mesi abbiamo contributo a far nascere anche insieme al Gruppo della Trasgressione.

Cosa vedi di te in questa immagine?”: ecco la mia domanda innocente rivolta ad un gruppo di ragazze e ragazzi che mi ritrovo davanti, riuniti in questa strana Piazza delle Terre di Mezzo.

Federico: In questa immagine vedo emozioni che vengono distrutte, ad esempio amicizie non ricambiate, litigi in famiglia.. quando succede qualcosa che si frantuma dentro, non sto bene con me stesso e mi si sgretola dentro come vedo le persone. Assomiglia a quello che tante volte penso.

Caterina: Questo vetro sono le cose quotidiane che accadono, i litigi che creo io. Sono anche io quella persona che fa star male altre persone. In questa immagine ho visto desideri che avevo che non sono stati realizzati e che io non ho fatto realizzare ad altre persone.

Paola: Vedo uno sbaglio da parte mia o di altre persone. Al di là di questa finestra vedo alberi e penso che si possono ricomporre tutti i pezzi.

Lorenzo: Vedo quello che potevo fare e i miei sbagli che hanno crepato il vetro. Sbaglio dopo sbaglio il vetro si rompe. Come si sa l’essere umano non è perfetto. In questa immagine vedo gli errori che si fanno.

Federico, Caterina, Paola, Lorenzo (e tutti i compagni di classe con loro presenti) ragionano come dei laureati in giurisprudenza ma, anagraficamente, hanno 12 anni.

E sono lo straordinario risultato di una sfida che, ad essere precisi, parte da Chiara Azzolari e dalla sua tenace ostinazione di “mettere alla prova” i contenuti del documentario Lo Strappo. Quattro chiacchiere sul crimine nei più svariati contesti educativi: e così, anche per una sorta di riconoscenza espressa al grande lavoro fatto da lei e da DIECI78 in questo progetto corale, Juri ed io non abbiamo saputo dire di no quando ci ha simpaticamente coinvolto in due laboratori con le scuole da tenersi durante la nota manifestazione milanese Fa’ la cosa giusta.

Così ci siamo ritrovati ancora insieme, lo scorso 23 marzo, con alcuni docenti d’eccezione: i detenuti del Gruppo della Trasgressione.

Non era la prima volta che partecipavo ad incontri dove criminali (nel senso tecnico di chi ha commesso un crimine) riescono paradossalmente a diventare guide credibili agli occhi di giovani in crescita (con la meraviglia, in primis, sul volto dei loro insegnanti). Eppure questa volta il tutto ha avuto, per me, un significato particolarmente nuovo.

Sarà stato forse il luogo…. dapprima una “tana”, improvvisata da tutti noi sotto le scale esterne di un padiglione della Fiera di Milano per ritagliarci uno spazio di maggiore attenzione e coinvolgimento, per poi continuare  – nel pomeriggio – in quella “Piazza” sotto gli occhi di visitatori di passaggio, ugualmente stupiti come il sottoscritto nel vedere tre ergastolani parlare fitto fitto per quasi due ore con ragazzi così giovani.

Sarà che “il dott. Aparo” non ha avuto quasi mai occasione di intervenire, perché ogni componente del Gruppo della Trasgressione ha saputo ben dire e mostrare i-frutti-del-duro-lavoro-dentro-se-stesso maturati in tutti questi anni di reclusione: e quando una squadra gioca bene in campo, l’allenatore può rimanere comodamente seduto in panchina a godere dei risultati di tutto il suo lavoro.

Ma sarà forse perché, ancora una volta dopo aver io personalmente accolto dei bambini di 10 anni a Palazzo di Giustizia ed esserne uscito enormemente arricchito (come mai avrei immaginato), ho realizzato che davvero è l’immaginazione la risorsa più potente da sviluppare, fin da bambini.

E soprattutto, aggiungerei io, fintanto che siamo bambini. Perché i bambini sono realmente in grado di farlo, e di farlo mille volte più efficacemente di noi che ci crediamo adulti e – solo per questo – capaci di ogni cosa.

Immaginare quindi un futuro migliore dove le mafie possano essere finalmente sconfitte anche grazie alle testimonianze nelle scuole di chi la mafia (l’ha praticata ma poi, con un lungo percorso di recupero del proprio-vero-io in carcere) l’ha rinnegata: penso che questo, ora, sia davvero possibile.

Un anno è passato e noi stiamo ancora qui progettando di volare verso Marte… anche grazie  all’appoggio,  silenzioso ma rassicurante, di alcuni Familiari delle vittime di mafia. Anche loro, allo stesso modo, sognatori come tutti noi: pietra su pietra, dolore su dolore, si possono anche innalzare cattedrali.

Immaginando così di poter davvero saldare la terra con il cielo.

 

 

2 pensieri riguardo “Immagina la cosa giusta”

  1. « Tutto il lavoro umano trae origine dalla fantasia creativa, dall’immaginazione […] L’attività creatrice dell’immaginazione strappa l’uomo ai vincoli che l’imprigionano […], elevandolo allo stato di colui che gioca. E l’uomo, come dice Shiller, “è totalmente uomo solo là dove gioca” » [Carl Gustav Jung].

  2. QUALCUNO CHE HA IMMAGINATO E ‘STA FACENDO’ LA COSA GIUSTA

    Da poco tornata da Scampia, campo di lavoro estivo con 30 studenti del Liceo Marie Curie di Tradate, sul Fondo Rustico Amato Lamberti. (bene confiscato alle Mafie) gestito dalla cooperativa (R)esistenza Anticamorra.
    Ci siamo presi cura di una piantagione di pomodori, che daranno una salsa buona e ‘virtuosa’, lavorato nei campi e nel vigneto di Falanghina, tutte le mattine.
    Abbiamo visitato e partecipato a momenti di incontro nell’ “Officina dellel Culture”, uno spazio rigenerato da Ciro Corona, presidente dell’Associazione (R)esistenza Anticamorra, situato di fronte alla piazza di spaccio più famosa di Napoli, dove è allestita una vera e propria biblioteca, costruita interamente da un gruppo di detenuti, costituita da libri donati, sala di lettura e ampi spazi dove si organizzano laboratori di cre_attività per bambini e ragazzi.
    Incontrato Davide Cerullo, camorrista all’età di 10 anni, latitante a 14, che dopo il carcere, ora è una persona diversa, tornato nelle Vele sotto casa sua ha aperto uno spazio La Casa Delle Storie, per mamme e bambini da 0 a 6 anni, (perchè è a quell’età che li devi proteggere i bambini, a Scampia!)
    Mi chiedo come si faccia a R_esistere in mezzo a tanto degrado e alle difficoltà che sembrano insormontabili
    Ringrazio, Ciro Corona, Davide Cerullo .. e tutti quelli che NON SMETTONO DI IMMAGINARE, DI SOGNARE E SOPRATTUTTO DI… FARE LA COSA GIUSTA.
    Ringrazio il dott. Aparo che mi ha fatto comprendere che vale più la testimonianza di un ex-delinquente, di tante prediche e raccomandazioni. Gli ex mafiosi non hanno niente da insegnare, forse, ma hanno una ‘storia sbagliata’ da raccontare. E questo è un valore impareggiabile.
    La legalità e l’antimafia NON basta raccontarla, progettarla a scuola: bisogna Farla!
    Grazie a tutti voi che ci state provando.

    https://www.identitainsorgenti.com/la-scampia-che-rinasce-davide-ex-detenuto-fondatore-della-ludoteca-del-quartiere/

    https://www.facebook.com/paginaassociazioneresistenza/

    https://www.facebook.com/Officina-delle-Culture-Gelsomina-Verde-1678146072409282/

    https://www.youtube.com/watch?v=AOjlXIAeJXU&t=975s

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *