Un pomeriggio di libertà

Alcuni giorni fa, con il Gruppo della Trasgressione, ho avuto la possibilità di trascorrere un pomeriggio nel carcere di Opera, una realtà che mi ha sempre incuriosito sin da ragazzina. Premetto che già in altre occasioni ho potuto assistere alle attività del gruppo e più volte avrei voluto scrivere un mio pensiero riguardo le emozioni che ho provato in questi incontri, ma essendo riservata e insicura mi sono sempre bloccata.

Sembra un paradosso, ma ascoltando le parole di alcuni detenuti ho provato una sensazione di pura libertà. Quella libertà mentale che da tempo stavo cercando. Grazie agli interventi dei detenuti, delle vittime delle mafie e degli studenti, ho rivisto in me quella bambina che ho tenuto nascosta fino ad oggi e soprattutto la rabbia che tenevo sotterrata.

Riflettendo sul mio passato mi sento di dire che a differenza dei detenuti sono stata fortunata a non perdermi quando mi sono sentita tradita dagli affetti più cari. L’avere vissuto in un collegio per i tre anni delle scuole medie, per scelta dei miei genitori, mi ha segnato particolarmente a tal punto da farmi sentire sbagliata sia all’interno della mia famiglia che nella società. Intanto la rabbia in me aumentava sempre di più e mi spingeva a sentimenti di vendetta nei confronti delle persone che mi stavano accanto. Oggi a distanza di molti anni e mamma di tre figli posso affermare, pur non avendo commesso reati, che quell’evento ha segnato la mia vita e avrebbe potuto spingermi a svendere i miei valori.

Ascoltando le varie persone del gruppo mi sono resa conto che questo rancore e questa sete di vendetta esistono ancora dentro di me e si ripresentano in ogni occasione, ad esempio esco da una separazione dolorosa, un fallimento che mi ha portato ad avere anche qui una rabbia ingestibile dentro di me da non riuscire a perdonare e a perdonarmi. In carcere, accanto ai detenuti, mi sono sentita libera respirando la loro forte voglia di libertà. Immedesimarmi in loro mi ha permesso di percepire le motivazioni che li spingono al cambiamento, proprio ciò di cui ho bisogno anch’io pur essendo una cittadina libera. Anche le parole delle vittime delle mafie e di una studentessa mi hanno colpito e ricordo che mi è sorta spontanea una domanda: ma chi sono io per poter giudicare e non riuscire a capire la forza del perdono? Q

uesta per me è stata un’esperienza forte ed emozionante al tempo stesso per cui ringrazio soprattutto il mio compagno e poi il Gruppo della Trasgressione che mi hanno permesso di viverla e di guardarmi dentro.

Francesca Zani

Un commento su “Un pomeriggio di libertà”

  1. Che belle riflessioni, Francesca, grazie per ricordarci di guardare ‘oltre…..’
    In maniera fortemente comunicativa, crei un tuo spazio narrativo intriso di sensibilità e delicatezza.
    Il dolore di grandi delusioni e la rabbia di amare frustrazioni del tuo vissuto non sommergono la consapevolezza ed il senso di responsabilità – malgrado le avversità della vita -, verso le quali continui a mantenere ‘saldo’ il tuo ‘faro interiore’.
    Con atteggiamento determinato, sei riuscita a sviluppare sentimenti di ‘gratitudine’ e di ‘libertà positiva’, che, decisamente, caratterizzano il tuo raccontarti.
    È apprezzabile, infatti, che entrambi i suddetti valori siano simili ad una bandiera di fierezza e di forza:
    la libertà di “… non aver svenduto i tuoi valori” ha consentito il tuo rimanere ancorata alle ‘regole’ di cose apparentemente normali, tra cui il rispetto di se stessi, l’ amore, la solidarietà.
    Anche la prossimità con gli esseri umani, che condividono sofferenze, errori, fragilità promuove ed irrobustisce la speranza di nuove conquiste e traguardi.
    Con la gratitudine alla Vita ed al senso di responsabilità si percepisce lo sprigionarsi di quell’energia positiva che ci connette con il mondo, aiutandosi a sciogliere i lacci del rancore e dal buio del tormento.
    E, benché la gratitudine non possa mai giustificare ciò che è accaduto oppure sta accadendo, essa è una opportunità diversa per dare ristoro all’animo umano, sollevandolo e liberandolo dalla ‘gabbia del dolore’.
    Complimenti ed ancora grazie a Te, Francesca, per questa importante lezione di umanità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.